Pasolini al BFI

Pasolini

“L’Italia sta marcendo in un benessere che è stupidità, incultura, pettegolezzo, moralismo, coazione, conformismo: prestarsi in qualche modo a contribuire a questa marcescenza è, ora, il fascismo.”
Pier Paolo Pasolini 1962

Il 2 novembre 1975 ero davvero molto piccola. In un negozio di elettrodomestici, dove mi trovavo con mio padre, un televisore in bianco e nero annunciava la notizia della morte violenta di Pasolini, una notizia che fece scalpore. Guardavo con il naso all’insù, senza capire, chi fosse quell’uomo. E perche’ tutti tacevano allibiti? Negli anni a venire avrei imparato a conoscere il poeta, lo scrittore, il giornalista, il regista, l’uomo geniale e profetico, che aveva saputo vedere i mali del Paese e intuire le conseguenze del consumismo, dell’inquinamento, dell’abuso dei media come strumento di potere e controllo. Dopo oltre trent’anni, ancora non si conoscono le motivazioni e i responsabili dell’omicidio di Pasolini, e non si sa se, a metterlo a tacere per sempre, fu una decisione politica, camuffata dal pretesto di una rissa. A questo riguardo, c’è sempre stato un silenzio scomodo, imbarazzato e imbarazzante, ai limiti del disinteresse. Forse perché la verità “meglio non nominarla, perché appena la nomini non c’è più…” *
Eppure, proprio dopo la sua morte, Pasolini è stato rivalutato come critico e filosofo visionario, una figura importante della letteratura e dell’arte, non solo italiana, ma europea. Tra scandalo e censura, Pasolini girava i suoi film cercando di dar vita ad un ‘cinema di poesia’, ed è proprio la sua carriera di cineasta ad essere ora celebrata al British Film Institute, con una stagione di proiezioni (film, documentari e corti) che durerà dal 1 marzo al 30 aprile.

La rassegna, la più esaustiva mai organizzata in Gran Bretagna, è stata organizzata in collaborazione con Luce Cinecittà, che ha fornito le pellicole, molte delle quali, restaurate di recente dalla Cineteca di Bologna. I temi della retrospettiva, introdotta da Tony Rayns, spaziano dal mito ai cicli storici, dalla psicoanalisi al confronto con il famigerato De Sade. La ricchezza dei filmati (alcuni dei quali rari) permetterà di esplorare, tanto l’evoluzione dell’arte di Pasolini, quanto i contesti della sua cinematografia.

Cosa sono le nuvole?, regia di Pier Paolo Pasolini, 1967

4 thoughts on “Pasolini al BFI

  1. Mi intristisce sempre rilevare come gli inglesi valorizzino i nostri patrimoni culturali più di quanto lo facciamo noi. Lo trovo esasperante. Svevo, Pasolini, il restauro dei nostri beni artistici ed archeologici…

  2. E quest’anno sembrano valorizzarci ancor di più! Quasi non riesco a stargli dietro, tra nature morte di Morandi, catastrofi pompeiane, rassegne di cinema italiano di qualità, vecchio e nuovo, programmi tv artistico-gastronomici, tripudi barocchi di maestri minori, e persino un documentario, in prima serata (!), sulla situazione critica dell’Italia (“Girlfriend in a Coma”, sì, proprio quello che la Melandri aveva vietato di mostrare al MaXXi, qualche tempo fa…)

  3. Buongiorno e grazie per la recensione su Pasolini. Una piccola precisazione: in questo caso, sono due istituzioni Italiane (Luce Cinecittà e la Cineteca di Bologna, come giustamente cita l’articolo) ad aver impegnato due anni di lavoro e risorse per far riscoprire l’opera di Pier Paolo Pasolini al mondo. La programmazione della rassegna, dopo il suo debutto al MoMA dello scorso dicembre, prevede ora Londra, e proseguirà in 5 città americane, per poi arrivare a Parigi, Barcellona, Berlino e infine Roma e altre sedi Italiane, in modo che si possano contestualmente presentare i risultati di uno dei programmi più impegnativi mai realizzati in tema di riscoperta, restauro e valorizzazione delle opere del nostro attualissimo (ed amatissimo) autore. Quando operiamo bene, riconosciamocelo🙂 Colgo l’occasione per segnalare che Ninetto Davoli sarà presente dal 19 al 24 aprile, per presenziare a proiezioni e panels (consultabili sul sito del BFI).
    Ancora grazie e a presto.
    Cordialmente,
    camilla cormanni
    luce cinecittà

    • Grazie a voi per la precisazione. Fa piacere sapere che la rassegna, dopo le maggiori città europee, toccherà anche l’Italia.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...